Un giorno un lupo stremato dalla fame incontrò un cane di bell'aspetto e ben nutrito. Il lupo stupito gli rivolse queste parole: "Come hai potuto, o cane, diventare così forte e robusto, mentre io che sono il lupo muoio di fame ".

 

 

 Il cane rispose con molta schiettezza: "anche tu potresti godere degli stessi benefici, rendendo ad un padrone un servizio identico al mio", " quale ? ", disse il lupo.

Allora il cane: "di giorno fare la guardia alla sua porta e di notte difendere la casa dai ladri" . "Io sono pronto a fare cio', rispose il lupo, la vita che sto conducendo è ben più; patisco neve e pioggia nei boschi, dunque, volentieri ti seguirò per avere una vita più comoda".

         

 

Cammin facendo il lupo si accorge che il cane ha il collo segnato e malconcio, allora, gli chiede quale ne sia la causa.

 

Il cane risponde che il padrone lo lega spesso ad una catena perché si abitui a dormire di giorno per vegliare di notte, ma spiega che in cambio ha cibo a sufficienza, bocconcini prelibati e riparo sicuro.

Benone "rispose il lupo" , " ma se  ti salta in mente di andare in qualche posto, puoi farlo ?". Assolutamente no, "disse con fermezza il cane". A queste condizioni, rispose il lupo, "goditi pure i tuoi privilegi, che io mi tengo lo stomaco vuoto".

 

 

 

 

morale:

la libertà, di tutte le cose, è il bene più prezioso



  Torna indietro Vai alla home